Dal 26 settembre 2019 al 25 gennaio 2020 i Musei di San Salvatore in Lauro di Roma sono lieti di presentare le opere dell’acquerellista Andrey Esionov, maestro indiscusso dell’arte figurativa russa contemporanea e membro dell’Accademia Russa di Belle Arti.

 

Realismo Visionario

La mostra “Realismo Visionario. Gli acquerelli di Andrey Esionov” è organizzata dai musei in collaborazione con l’Accademia Russa di Belle Arti, sotto la direzione del curatore Marco Di Capua. A Roma saranno presentate quasi 100 opere del pittore, in particolare acquerelli e disegni che introdurranno i visitatori alle ricerche artistiche del talentuoso maestro russo.

esionov

Andrey Esionov

Andrey Esionov vive e lavora a Mosca ed è un artista dai riconoscimenti prestigiosi. Le sue opere sono ospitate in raccolte museali a Mosca (Moscow Museum of Modern Art), San Pietroburgo (Museo di Stato Russo), Firenze (Accademia delle Arti del Disegno), Kazan (Museo Statale di Belle Arti della Repubblica del Tatarstan), TaŠkent (Museo delle Arti dell’Uzbekistan) e in molte altre importanti città ancora.

Il riconoscimento di Andrey Esionov sulla scena internazionale dell’arte testimonia il significativo percorso di questo pittore straordinario. Portate a termine tutte le tappe della formazione artistica classica, Esionov per 20 anni si è preso una pausa dalla carriera artistica e si è dedicato all’imprenditoria. È tornato all’arte soltanto nel 2010, consacrandosi a pieno alla pittura: citando le parole dell’artista, questo ritorno è stato per lui come “riprendere a respirare”. L’intervallo di sospensione dalla pratica artistica per Andrey Esionov si è dimostrato un periodo di intensivo accumulo di esperienze visive e strutture compositive, che successivamente hanno trovato riflesso nelle sue opere.

Andrey Esionov, L’irrealtà di qualcun altro, 2017 Сarta, acquerello, 76×56

Generi pittorici

In un breve arco di tempo l’artista ha volutamente dato prova di sé in diversi generi pittorici, primo fra tutti il ritratto. La sua notorietà si fonda infatti sulla serie dei ritratti ad olio su tela di intellettuali russi: lo scrittore Vladimir Voinovich, i registi cinematografici Petr Todorovsky ed Eldar Ryazanov, il campione mondiale di scacchi Anatoly Karpov, il presidente dell’URSS Michail Gorbaciov e altri ancora. Ciò nondimeno, la tecnica prediletta da Esionov è l’acquerello, da lui interpretato in chiave innovativa e contemporanea. Il pittore ricrea l’immagine di un istante di vita, sospeso tra la raffigurazione realistica e una dimensione “altra”, simbolica e favolosa. Nelle sue opere ciò che da principio appare come un riflesso fugace del quotidiano si tramuta in qualcosa di straordinario.

L’impeccabile tecnica esecutiva è tanto perfetta da diventare la via per il superamento della realtà stessa, in una sorta di rappresentazione visionaria.

Andrey Esionov, Dresda. Teatrplats, 2015 Сarta, acquerello, 76×56

L’Europa: fonte di ispirazione

Esionov trae ispirazione dai propri viaggi in Europa, dai cambiamenti epocali e dagli avvicendamenti politici dell’ex Unione Sovietica, da lui vissuti in prima persona: passanti, pittori di strada, bambini e animali sono i protagonisti che popolano il suo mondo. Per l’artista l’umanità è in costante movimento. Dal turismo di massa dei ricchi agli ingenti flussi migratori della parte indigente della popolazione mondiale. La mostra testimonia così i mutamenti e le contraddizioni dell’umanità nell’intricato rapporto con il proprio “io”, con la propria coscienza, concentrata unicamente sul consumo o sul sogno di consumo.

andrey esionov

Alla mostra, le fragranze di Laura Bosetti Tonatto

La mostra“Realismo Visionario. Gli acquerelli di Andrey Esionov” è la seconda tappa di un ciclo di mostre personali, volte alla divulgazione in Italia dell’arte, delle ricerche pittoriche e della poesia di Andrey Esionov. Dopo Firenze e Roma la mostra si sposterà a Milano e Venezia.

Peculiarità dell’allestimento romano è il coinvolgimento “sensoriale” di un naso celebre in tutto il mondo: Laura Bosetti Tonatto, la quale ha appositamente creato per le opere di Andrey Esionov una serie di fragranze per completare la realtà pittorica delle tele con nuove sensazioni olfattive.

Alla mostra “Realismo Visionario. Gli acquerelli di Andrey Esionov” si accompagna un catalogo, edito dalla casa editrice Il Cigno GG Edizioni, con contributi critici del curatore della mostra Marco Di Capua e recensioni scritte dagli storici dell’arte Tomaso Montanari, Alexander Rožin e Victoria Noel-Johnson.

Per maggiori info visita il sito!

 

Andrey Esionov, Voce assoluta, 2018 Сarta, acquerello, 110 ×70

Articoli correlati

  • Giovanardi: 10 x 100 fabbrica d’arte contemporanea

    Per celebrare il proprio centenario aziendale, la storica impresa lombarda apre al pubblico i suoi spazi di produzione con una mostra inedita nata da un periodo di residenza di dieci artisti.   Il centerario di Giovanardi Per celebrare il centenario di attività, la storica impresa lombarda Giovanardi – specializzata nella progettazione e realizzazione di display, […]

  • bioPICS3 – The End

    Promuoviamoarte, in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Napoli, è lieta di presentare la grande mostra-evento “bioPICS3 – The End”, a cura di Nello Arionte. L’esposizione per quindici giorni accenderà i riflettori su Arte e Cinema, avendo quale “set” d’eccezione l’incantevole sfondo del golfo di Napoli. L’evento si svolgerà a […]

  • Cesare Pietroiusti: Un certo numero di cose

    Arriva nella Sala delle Ciminiere del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, dal 4 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020, con inaugurazione giovedì 3 ottobre alle h 18.30, Un certo numero di cose / A Certain Number of Things, un progetto di Cesare Pietroiusti. La mostra è a cura di Lorenzo Balbi con l’assistenza […]

  • La Casa dei Saperi- Fondazione Adolfo Pini

    Riparte da settembre la programmazione della Casa dei Saperi, progetto promosso dalla Fondazione Adolfo Pini di Milano, all’interno della dimora storica di corso Garibaldi, con un fitto calendario di incontri, talk, seminari, workshop, proiezioni in corso fino a dicembre. Ad aprire la stagione autunnale sarà, il 21 e 22 settembre, un doppio appuntamento con il […]

  • Arte contemporanea: ha davvero senso?

    L’arte ai giorni nostri: cosa vuole comunicarci? In questa particolare epoca storica “galleggiamo” nelle immagini. Ne vengono prodotte in grandi quantità e vengono diffuse attraverso i social e la rete per tutto il globo. Il mondo dell’arte si è allargato. Dobbiamo capire allora quale sia il ruolo dell’arte ai nostri tempi. Oggi è difficile tracciare […]